Homo Ludens | 2015

19/11/2015 • 30/01/2016

E’ con grande piacere che Magazzino annuncia la mostra frutto della collaborazione tra l’artista giapponese Arina Endo (1983, vive e lavora tra Firenze e Berlino) e Gianluca Malgeri (1974, vive e lavora tra Firenze e Berlino). Per la sua terza mostra personale in galleria, Malgeri ha infatti deciso di invitare Endo per realizzare un progetto a quattro mani. La collaborazione tra i due artisti è già sfociata, nel 2015, nella mostra Edge of Chaos in cui Endo e Malgeri hanno esposto per la prima volta le sculture della serie Expelled from Paradise, ispirate alla ‘città dei balocchi’, e prosegue in quest’occasione con la presentazione di un progetto di mostra ispirato alla rilettura del Pinocchio da parte di Carmelo Bene, e…Continua / More

, , , , , ,

Dr. Jekyll & Mr. Hyde – New Works From Berlin | Group Show | 2012

“È dunque da attribuirsi più all’esigente natura delle mie aspirazioni che a una mia speciale degradazione, il motivo per cui si separarono in me, con un solco più profondo, le regioni del bene e del male che dividono e compongono ad un tempo la duplice natura dell’uomo. Per quanto io fossi preda di un profondo dualismo, le due nature in me coesistevano in perfetta buona fede […] Vidi che, se potevo a ragione considerarmi l’uno e l’altro dei due esseri che lottavano nella mia coscienza, ciò si doveva al fatto che io ero radicalmente ambedue, e ho cominciato a vagheggiare il pensiero della separazione di quegli elementi.” (R.L. Stevenson – Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde) Magazzino…Continua / More

, , , , , ,

Encore Plus | Group Show | 2012

20/02/2013 • 31/03/2013

Magazzino è lieta di presentare Encore Plus, secondo step della mostra in corso da Dicembre 2012 e che resterà visibile fino all a fine di Febbraio 2013. La mostra è concepita per essere una sorta di best of delle attività dell’ultimo anno e mezzo, includendo opere dei nostri artisti che siano transitate in Musei ed Istituzioni, italiane e straniere, nell’ambito di mostre personali e collettive. Da Elisabetta Benassi (MAXXI; Newtopia, Mechelen), Mircea Cantor (Centre Pompidou), Antonio Biasiucci (Istituto Nazionale per la Grafica) e Pedro Cabrita Reis (Museum Leuven, Kunsthalle Hamburg, Museo Berardo), fino a Alberto Garutti (PAC), Gianluca Malgeri (Ambasciata d’Italia, Berlino), Massimo Bartolini (MAXXI), Alessandro Piangiamore (MACRO), Jorge Peris (Muséè du château des ducs de Wurtemberg, Montbéliard) e Jonas…Continua / More


Insh’Allah | 2011

In Between Rusen Aktas C’è una piazza nel quartiere Fatih di Istanbul chiamata Kadinlar Pazari che letteralmente significa “Bazar delle donne”. Non avevo sentito parlare di questo luogo fin quando un amico mi ci ha portato di recente. Costui è nato e cresciuto nella ‘vecchia’ Istanbul, circondata dalle antiche mura della città. Le porzioni di mura che sono ancora in piedi sono state costruite da Teodosio II nel V secolo. Istanbul è stata una città racchiusa tra queste mura, pressappoco fino all’Ottocento. Da lì la città ha iniziato a crescere verso Galata e distretti Beyoglu dall’altra parte del Corno d’Oro; questi nuovi insediamenti sono stati costruiti nella moda con i nuovi stili moderni e in gran parte hanno ospitato i…Continua / More


Warped Time | 2007

Sei file di mattonelle, precariamente accatastate l’una sull’altra, costituiscono la struttura del più recente lavoro ‘in-progress’ di Gianluca Malgeri. Con quest’opera Malgeri prosegue la sua indagine che ha come oggetto di ricerca la stufa, come nei precedenti Torre di Ishstar (2004), Faro di Alessandria (2006), e Torre di Arianna (2006). Assieme, le quattro sculture non costituiscono solamente un’investigazione di una forma generica, ma potrebbero essere considerate come elementi costruttivi di una più ampia struttura, forse anche i pilastri di una nuova architettura utopica urbana. Un altro elemento, parte dei tentativi di Malgeri, è Amphora (2007). Il suo interesse per l’architettura è evidente in collages come Città del sole (2004), in cui ha assemblato fotografie ritagliate di mattonelle e tappeti che…Continua / More