Io, Roma | 2006

L’opera di Vitone si configura come un’incessante indagine topografica indirizzata ad indagare territori sia fisici che mentali, spazi sociali ed individuali utilizzando approcci eterogenei. Uno dei motivi ricorrenti della produzione artistica di Vitone, è infatti, il rappresentare “luoghi” attraverso mappe da studiare, rielaborare, ricomporre. Una sorta di volontĂ  come lui stesso afferma “di mappare il mondo”. In questa personale l’artista presenta sette tele in cui il respiro della cittĂ  ha lasciato la sua impronta. Il lavoro all’apparenza essenziale è intriso di metafore evocative che lo spettatore attraversa in una individuale percezione emotiva. Ancora una volta Vitone compie un viaggio che ci porta a conoscere qualcosa che giĂ  conosciamo a ricostruire ed inventare percorsi dimenticati che si ricompongono in una sua…Continua / More