L’Innominabile, confuso alla Porta dei Leoni

07/04/2022 • 14/05/2022

Magazzino è lieta di presentare la terza mostra personale di Jorge Peris (1969, Alzira) in galleria dopo Diamante del 2007 e Dolmen, Sinfonia nr.7 del 2015.  La mostra è il completamento ideale di una trilogia iniziata nel 2020 con Dark Man a lomos del pájaro de fuego (IVAM di Valencia) e proseguita nel 2021 con Desembarco en el País de Nunca Jamás (Nicodim Gallery, Los Angeles). La mostra inaugurerà al pubblico Giovedì 7 Aprile e resterà visibile fino al 14 Maggio 2022.   L’innominabile, confuso alla Porta dei Leoni riprende la tradizione, ben radicata nel lavoro di Peris, dell’accostamento libero di elementi in apparenza lontani tra loro, collocati in un sistema di riferimenti che spazia dalla musica alla mitologia, dalla…Continua / More

, , , , , , , , ,

TBT (To Be Titled, Turn Back Time) | Group Show | 2018

21/06/2018 • 28/07/2018

Magazzino è lieta di annunciare la seconda parte della mostra collettiva TBT (To Be Titled, Turn Back Time), Giovedì 21 Giugno 2018. La mostra, iniziata lo scorso 11 Maggio, vedrà una riscrittura del percorso espositivo con l’aggiunta delle opere di Renato Leotta, Yudith Levin, Jorge Peris e Alessandro Piangiamore, rinnovando l’idea di un dialogo a più voci tra artisti della galleria (Peris, Piangiamore) e artisti non rappresentati da Magazzino (Leotta, Levin) che andranno ad integrarsi con le opere di di Massimo Bartolini, Guillermo Galindo, David Schutter, Nicola Martini, Matteo Nasini e Namsal Siedlecki già presenti in galleria. Se le opere di To Be Titled avanzavano una riflessione sulla loro stessa condizione di oggetto “finale” e “finito” ma ancora aperto ad…Continua / More


Dolmen, Sinfonia n.7 | 2015

È con grande piacere che Magazzino presenta la seconda mostra personale di Jorge Peris in galleria. Intitolata Dolmen, Sinfonia nr.7, la mostra raccoglie il lavoro sviluppato dall’artista spagnolo negli ultimi quattro anni ed esposto, per la prima volta nella sua complessità, negli spazi di Magazzino. L’isola di El Palmar, nel Parco Naturale de la Albufera nei pressi di Valencia, è un luogo antico, legato a tradizioni millenarie, la cui vita è scandita dal rapporto costante con l’acqua del mare che ne lambisce i bordi. Jorge Peris ha stabilito qui quattro anni fa il suo studio, scandendo il suo lavoro al ritmo e all’essenza del paesaggio, in un linguaggio delineato dalla sedimentazione, dalla stratificazione, e dall’azione del tempo. Un Teatro della…Continua / More

, , , , , ,

Encore Plus | Group Show | 2012

20/02/2013 • 31/03/2013

Magazzino è lieta di presentare Encore Plus, secondo step della mostra in corso da Dicembre 2012 e che resterà visibile fino all a fine di Febbraio 2013. La mostra è concepita per essere una sorta di best of delle attività dell’ultimo anno e mezzo, includendo opere dei nostri artisti che siano transitate in Musei ed Istituzioni, italiane e straniere, nell’ambito di mostre personali e collettive. Da Elisabetta Benassi (MAXXI; Newtopia, Mechelen), Mircea Cantor (Centre Pompidou), Antonio Biasiucci (Istituto Nazionale per la Grafica) e Pedro Cabrita Reis (Museum Leuven, Kunsthalle Hamburg, Museo Berardo), fino a Alberto Garutti (PAC), Gianluca Malgeri (Ambasciata d’Italia, Berlino), Massimo Bartolini (MAXXI), Alessandro Piangiamore (MACRO), Jorge Peris (Muséè du château des ducs de Wurtemberg, Montbéliard) e Jonas…Continua / More


Diamante | 2007

Il Magazzino d’Arte Moderna presenta Diamante, la prima personale di Jorge Peris allestita presso gli spazi della galleria. I suoi interventi sulle accezioni del concetto di dimensione e sulle possibilità relative sono inviti a sperimentare l’esperienza come attitudine ideale praticabile. L’artista mina la nostra capacità di discernimento costringendoci a una situazione, a un nuovo stato delle cose, attraverso la realizzazione di opere in cui il non-luogo diventa il luogo perso recuperato per eccellenza, e la cui costruzione nasce dal costante affermarsi degli opposti nella distanza che li separa. La tensione che si instaura disorienta e induce lo spettatore a ricercare un equilibrio rinnovato, la percezione dei limiti dilatati è un’azione forzata dalla perdita di controllo che una volta innescata sembra…Continua / More